quattro esercizi per essere in forma d’estate senza stancarsi

41

Escursionismo: Camminare ha numerosi benefici per la salute, ad esempio riduce il rischio di ipertensione e, nel caso in cui si soffra di questo disturbo, camminare riduce i valori di pressione sanguigna. Aiuta anche a ridurre il colesterolo, previene l’insorgenza del diabete poiché quando si cammina il corpo elabora lo zucchero più velocemente. Camminare è un esercizio che contribuisce alla perdita di peso, soprattutto se trascorri tra i 45 minuti e un’ora al giorno. C’è una parte dei nostri geni che sono “promotori” dell’obesità ei ricercatori di Harvard hanno stabilito che camminare per circa 1 ora al giorno aiuta a contrastare della metà gli effetti di questi geni. Se camminiamo su un terreno con un certo sollievo, come quello di una città con qualche pendenza, la montagna o la spiaggia, il nostro corpo richiede uno sforzo maggiore – con maggiore richiesta muscolare, e quindi cardiorespiratoria -, lavorando quindi sul suo potenziamento allo stesso tempo tempo rispetto alla resistenza cardiovascolare. Questo migliora anche la circolazione e la tonificazione dei diversi muscoli del corpo esercitati (gambe, addome e glutei). Favorisce anche il ritorno venoso. Camminare è anche un modo molto “amichevole” per mobilitare la parte bassa della schiena e molte persone con lombalgia provano sollievo dopo aver camminato per un breve periodo (circa 15-20 minuti).

Yoga: Lo yoga è sempre stato indicato come una delle attività che procurano un maggiore benessere, soprattutto perché aiuta a rilassare il sistema nervoso e a ridurre lo stress. Grazie a questa disciplina si lavora su esercizi di rilassamento e respirazione per raggiungere il perfetto equilibrio tra corpo e mente. Per metterlo in pratica, hai solo bisogno di un materassino o materassino e rilassare la mente durante le lezioni poiché è una pratica che non solo ti avvantaggia all’esterno, ma anche all’interno. Con la pratica dello yoga si aumenta la flessibilità del corpo, si ottiene un certo tono muscolare, si migliora la mobilità dei muscoli e delle articolazioni e si lavora sull’equilibrio di tutto il corpo. Inoltre, alla sua pratica si abbinano esercizi di respirazione, che riducono la frequenza cardiaca e rilassano il corpo, favorendo così la calma mentale, un miglioramento del riposo e una maggiore capacità di concentrazione. Tutti questi fattori contribuiscono alla riduzione dello stress. In genere intendiamo lo Yoga come un’attività strettamente correlata al rilassamento e all’elasticità muscolare, ma è importante capire che, per le persone con limitazioni nell’elasticità muscolare, lo yoga può essere un’attività molto impegnativa, quindi nelle fasi iniziali potrebbe non essere rilassante , anche se molto vantaggioso, una volta superata questa fase iniziale.

Pilates: Questo metodo si basa su diverse discipline come lo yoga o la danza. Durante la sua pratica si lavora sullo sviluppo dei muscoli interni, che aiuta a mantenere l’equilibrio del corpo e rafforza la colonna vertebrale. Integrando la pratica del Pilates nelle tue routine di allenamento, oltre a migliorare la postura del corpo e rassodare diversi gruppi muscolari, puoi ottenere un corpo forte, flessibile, armonioso e sano. Inoltre, a livello emotivo, il metodo Pilates è davvero utile per raggiungere la consapevolezza del proprio corpo.