L’olio per capelli fa male? Risolviamo il dibattito una volta per tutte

35

Immagine: Instagram

L’olio per capelli è quella tradizione di bellezza che è stata tramandata da una generazione all’altra e molti ancora giurano su di essa per ottenere ciocche sane e sensuali. I tuoi giorni di scuola devono essere stati tutti incentrati sull’intrecciare i tuoi capelli oliati ma, crescendo, è molto probabile che tu abbia perso il contatto con questo rituale. Inoltre, l’olio per capelli è stato un argomento controverso nello spazio della bellezza, dove alcuni appassionati detestano assolutamente questa pratica, considerando i suoi effetti negativi sulla pelle. Ma se sei ancora confuso su quale sia la cosa giusta da fare o stai pianificando di tornare all’olio per capelli, leggi prima questo.

Perché l’olio per capelli fa bene?
Gli oli sono senza dubbio molto efficaci nel migliorare la salute del cuoio capelluto e dei capelli e siamo cresciuti vedendo questo intorno a noi. “Un modo testato nel tempo e affidabile nel tempo per condizionare e riparare i capelli in modo naturale, l’oliatura, in particolare con oli per capelli a base di cocco, ha proprietà scientificamente provate di penetrazione, nutrimento e riparazione ed è un modo consolidato per mantenere le proprietà incontaminate dei capelli”, afferma il dottor Aparna Santhanam, dermatologo, cosmetologo ed esperto di capelli e benessere. Con una profusione di benefici, gli oli possono sicuramente migliorare la qualità dei tuoi capelli ripristinando l’umidità nelle ciocche e nel cuoio capelluto.

Quali sono i vantaggi dell’olio per capelli?
“L’oliatura con oli per capelli a base di cocco avvantaggia sia i capelli che il cuoio capelluto. Sul cuoio capelluto migliora la circolazione, aiuta ad aumentare la densità dei capelli, rafforza il rapporto Anagen/Telogen, scioglie le tensioni, induce rilassamento e aiuta a mantenere pulito il cuoio capelluto nel suo microbioma naturale con proprietà antisettiche e antibatteriche. Sui capelli penetra, nutre e rinforza la cuticola, protegge dall’inquinamento, previene la rottura, preserva il colore dei capelli e riduce la porosità. Quindi, funziona magnificamente su tutta l’unità del cuoio capelluto. È scientificamente provato che gli oli per capelli a base di cocco penetrano più in profondità e più velocemente per nutrire i capelli e il cuoio capelluto dall’interno. Sono noti per proteggere i capelli stratificando internamente la ciocca per ridurre la porosità e proteggere i capelli dall’inquinamento e persino dai danni chimici o termici”, afferma il dott. Santhanam.

Immagine: Unsplash

L’olio per capelli aiuta davvero a far crescere i capelli più spessi?
“L’olio con oli per capelli a base di cocco penetra più in profondità e più velocemente nel cuoio capelluto e raggiunge il bulbo follicolare. È stato dimostrato che questo riduce lo stadio kenogen (durata e frequenza) della crescita dei capelli e aiuta nella conversione dei primi peli del bambino in capelli anagen in piena crescita. L’olio per capelli a base di cocco riequilibra l’idratazione naturale dei capelli portando a una riduzione della pettinabilità del 60% in 1 mese. Fortifica l’anello più debole dei capelli fino a 10 volte, riducendo così la rottura e garantendo che i capelli rimangano a lungo e sani”, condivide il dott. Santhanam. Puoi sempre mescolare l’olio di cocco con oli che stimolano la crescita dei capelli come olio di ricino o olio di mandorle per ottenere i migliori risultati.

Qual è il modo giusto di oliare i capelli?
“Per i capelli, non esiste inequivocabilmente un olio superiore rispetto agli oli per capelli a base di cocco. L’olio è meglio farlo come routine di prelavaggio, durante la notte o almeno un’ora prima della doccia. Mentre massaggiare l’olio sul cuoio capelluto aiuta comunque a causa delle proprietà uniche dell’olio per capelli a base di cocco, il modo più ottimale è scaldare leggermente l’olio e massaggiarlo sul cuoio capelluto durante la notte o almeno un’ora prima della doccia. Iniziando con un delicato massaggio del cuoio capelluto, distribuire l’olio sulle ciocche dall’alto verso il basso. Lega i capelli lunghi sciolti con una cravatta di raso e dormi su una federa di raso se li lasci durante la notte”, spiega il dottor Santhanam.

Immagine: Shutterstock

Chi dovrebbe evitare di oliare i capelli e perché?
Se non è già evidente, la pelle grassa a tendenza acneica dovrebbe essere consapevole mentre si concede l’olio per capelli. “Gli oli che sono comedogenici possono scatenare l’acne e la follicolite ostruendo i pori e scatenando l’infezione. Mentre alcuni oli per la pelle a base di girasole, minerali e cartamo hanno un rischio di intasamento dei pori inferiore rispetto ad altri oli per la pelle più comedogenici a base di semi di avocado e carota, non c’è ancora una buona ragione per sovrapporli sulla pelle a tendenza acneica. Quindi, invece di cercare un olio per il viso per idratare il viso, opta per sieri e creme idratanti all’acido ialuronico senza olio”, afferma il dott. Santhanam. Parlando di oli per capelli per la pelle grassa e a tendenza acneica dice: “Sì, l’olio per capelli a base di cocco ha proprietà molto diverse dal sebo e, grazie all’acido laurico, aiuta a mantenere il cuoio capelluto in buona salute anche in caso di cute grassa. L’unica cosa da ricordare è che la frequenza di lubrificazione per il cuoio capelluto grasso può essere inferiore, anche solo una volta alla settimana.

Modi per nutrire i capelli con oli senza oliare
Oggi, così tanti prodotti per la cura dei capelli vantano una miscela di oli naturali per nutrire i capelli senza oliarli. Puoi anche fare il fai-da-te e incorporarlo in una maschera per capelli. “Mentre l’oliatura è la cosa migliore per nutrire i capelli dall’interno, coloro che non possono usare l’olio possono provare sieri penetranti, creme dopo doccia, creme e oli di siero per il nutrimento dei capelli e del cuoio capelluto. La mia preferita è una maschera che incorpora olio per capelli a base di cocco, aloe vera e albume d’uovo. Sbatti bene tutti e 3 gli ingredienti, applica sul cuoio capelluto mezz’ora prima di lavarlo e lavalo via con uno shampoo e un balsamo delicati “, condivide il dott. Santhanam.

Per concludere, l’olio per capelli è una tecnica eccellente e affidabile per migliorare la salute dei capelli e ridurre lo stress, a condizione che tu lo faccia nel modo giusto per la tua pelle e il tuo tipo di capelli.

Leggi anche: Modi per riparare le doppie punte e prendersi cura delle proprie trecce

Iscriviti al nostro canale YouTube

Gli utenti che hanno visto questo hanno visto anche