Il 45% dei rumeni soffre di pressione alta. Cosa sanno i rumeni del “killer silenzioso”?

43

In occasione della Giornata mondiale del cuore, la Società rumena di cardiologia ha pubblicato statistiche sulla salute del cuore dei rumeni. Secondo gli specialisti di cardiologia, metà dei rumeni ha problemi di pressione sanguigna e metà di loro non sono stati diagnosticati e non somministrano cure. Uno dei maggiori problemi che i medici considerano è la mancanza di informazioni corrette.

Ecco alcuni dati sull’ipertensione nei rumeni. Il trattamento antipertensivo non va interrotto anche se i valori si sono normalizzati Meno dell’1% dei rumeni sa che l’ipertensione può manifestarsi senza mostrare alcun segno o sintomo; Il 36% dei soggetti di età compresa tra 35 e 55 anni ritiene che il trattamento antipertensivo possa essere interrotto dopo che i valori pressori sono tornati alla normalità; Uno dei più grandi errori è non prendere un trattamento per la pressione alta. Il 22% dei rumeni della stessa età di cui sopra ritiene che si possa convivere con l’ipertensione senza curarla;

Nelle zone rurali, sono più inclini all’ipertensione

La prevalenza di HTN in Romania è stata stimata a circa il 45% come percentuale generale della popolazione adulta, essendo più alta negli uomini (50% o anche più) rispetto alle donne ed essendo più alta nelle aree rurali rispetto alle aree urbane. Ancora più importante è il fatto che una percentuale significativa di pazienti ipertesi non sa di avere l’ipertensione, e questo supera il 20%. Pertanto, almeno 1 iperteso su 5 non sa di avere valori pressori elevati. Ovviamente, avendo l’ipertensione, possono già avere le sue complicazioni senza nemmeno accorgersene e prendere le misure.

È molto facile diagnosticare la pressione alta

1 rumeno su 7 tra i 18 e i 24 anni, 1 su 5 tra i 25 ei 34 anni, 1 su 3 tra i 35 ei 44 anni ha la pressione alta. “Fortunatamente, la pressione alta è la malattia cardiovascolare più facile da diagnosticare, e adottare uno stile di vita equilibrato nel tempo e seguire esattamente il trattamento prescritto dal medico per tenere sotto controllo la pressione sanguigna dà la possibilità di una vita più lunga e senza eventi gravi, anche eventi fatali, cardiovascolari. Attraverso la campagna informativa “Vai a misurare la tua pressione sanguigna! #Perchè dico così!” avviata nel 2019, la Società rumena di cardiologia aumenta di anno in anno il livello di educazione medica dei rumeni, la corretta informazione sull’ipertensione e le sue gravi conseguenze”, aggiunge la dott.ssa Ana-Maria Vintilă.

Fonti: Società Romena di Cardiologia

Home

Studio SEPHAR III, 2016