Come preparare il mate e sfruttare le sue proprietà

27

La yerba mate è molto usata per fare infusi in Sud America, bere mate è un’usanza popolare che viene praticata in Argentina, Uruguay, Paraguay e Brasile meridionale, ma si è già diffusa in tutto il mondo. Il suo sapore amaro attira e ha anche proprietà salutari, poiché è una pianta lipolitica e saziante. Le foglie di mate contengono principi attivi che aiutano a mobilitare il grasso accumulato e hanno un effetto drenante. Una bevanda stimolante che aiuta a bruciare i grassi.

Qui ti mostriamo come preparare il mate e sfruttarne le proprietà.

Come preparare il compagno?

Per fare un buon mate oltre alla yerba ci vuole un contenitore di mate, una bombilla, che è un tubo con un beccuccio in alto e un filtro in basso per la yerba, e una teiera con beccuccio a stella (bollitore) per l’acqua. .

  • Scaldate l’acqua in un pentolino, non deve arrivare a bollore. La temperatura ideale è di 70-80°C, in modo da non bruciare l’erba e perdere il suo sapore.
  • Versare l’acqua in una teiera con un beccuccio stretto (bollitore).
  • Metti le foglie essiccate e macinate di yerba mate nel contenitore del mate fino a 3/4 pieno. Se non ti piace il sapore amaro puoi aggiungere un po’ di zucchero o di stevia.
  • Coprire l’imboccatura del contenitore, capovolgerlo e agitare. Riporta il contenitore nella sua posizione normale e assicurati che la yerba rimanga su un lato e formi un piccolo foro.
  • Versa dell’acqua tiepida nel buco rimasto nella yerba e lascia riposare. Tieni presente che una piccola misura d’acqua è sufficiente per bere mate.
  • Inserisci la lampadina nel foro bagnato e innesca il mate spostando la lampadina.

Quali proprietà ha il mascherino?

stimolante. Le foglie di mate contengono l’1-2% di caffeina o mateina, attivo stimolante del sistema nervoso presente anche nel caffè. Un aiuto naturale contro la stanchezza e l’affaticamento fisico e mentale.

Bruciare grassi. I suoi componenti, polifenoli e basi xantiche, favoriscono la scomposizione dei lipidi alimentari in acidi grassi durante la digestione. Contengono inoltre acidi caffeil chimici che rallentano lo svuotamento gastrico, favorendo la sensazione di sazietà.